D850 e fotografia di cani con il 70-200

Proseguono i miei test con la D850, che ieri ho avuto modo di provare per la prima volta con il mio obiettivo preferito, il Nikon 70-200 f4, cercando di fotografare un soggetto che adoro: i cani e in particolare ovviamente Phoenix.

Rispetto alla fotografia di uccelli e altri animali più schivi, il fotografare cani comporta qualche sfida diversa. Utilizzo infatti un teleobiettivo molto più piccolo e agile del 200-500, che ha una definizione mostruosa, ma che impone anche un diverso modo di fotografare e che, sulla D850, implica anche qualche difficoltà nuova:

  • La profondità di campo è molto più ristretta che sulla D500, per cui è molto più facile sbagliare di poco il fuoco, specialmente quando il soggetto riempie il frame, e ritrovarsi con gli occhi non perfettamente nitidi, specialmente se si tiene il diaframma a f4.
  • Il rischio di micromosso è sempre in agguato con 46 megapixel, e anche con tempi di 1/1000s non sempre si riesce a congelare il movimento.

Dovrò fare un po’ di pratica, stando ben attendo al punto di messa a fuoco, eventualmente chiudendo un pochino il diaframma ove c’è più rischio ed è possibile. Dovrò inoltre curare meglio la tecnica di scatto, cercando di limitare al massimo i movimenti delle mani e tentando di usare sempre tempi di sicurezza quando scatto a mano libera. In attesa della prossima sessione, qui sotto alcune delle foto “buone” di ieri 😉

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *