Focus stacking in camera con la D850

La D850 ha una qualità di immagine davvero impressionante, e nel complesso risulta essere una macchina davvero potente e versatile. Per esplorare un po’ le sue potenzialità, ieri mi sono divertito ad utilizzare la funzione di Focus Stacking in camera, che Nikon ha chiamato “Focus shifting”.

In sostanza si mette a fuoco sulla parte più vicina di un elemento e poi si imposta un numero di scatti e un intervallo di messa a fuoco e la macchina scatta automaticamente spostando la messa a fuoco. Il risultato sono una serie di immagini in ciascuna delle quali è a fuoco una diversa porzione del soggetto e quindi ricombinabili poi con un apposito software di Focus Stacking per ottenere una foto completamente a fuoco.

Questa tecnica è particolarmente utile quando si fa foto macro, dove l’ingrandimento spinto di un soggetto molto piccolo, come una mosca per esempio, fa sì che sia fuoco solo qualche mm con un solo scatto e quindi si rende necessario l’utilizzo di questa tecnica. Il focus stacking però può essere utilizzato anche nel paesaggio, sfruttandolo per avere una foto in cui sia a fuoco tutto, dal primo piano all’infinito.

Naturalmente si può fare focus stacking con l’ausilio di slitte micrometriche manuali o automatiche, ma averlo in camera rende tutto molto più semplice e veloce, riducendo anche a zero il rischio di micromosso, perché non si tocca la fotocamera, che può anche essere anche impostata per l’utilizzo dell’otturatore elettronico e dello scatto silenzioso.

La foto di copertina è stata scattata con un obiettivo macro da 60mm, f7.1, esposizione 4″, combinando i 10 scatti prodotti dalla D850 con Helicon Focus.

4 commenti
  1. Alexanor
    Alexanor dice:

    Stiamo ovviamente parlando solo di scatto da cavalletto o si può pensare anche per altre situazioni sul campo dove si scatta a mano libera…?

    Rispondi
    • fgiamma
      fgiamma dice:

      E’ una funzione molto difficile da usare a mano, dipende molto anche dal tempo di scatto. A 1/20 di secondo è impossibile, a tempi superiori si potrebbe provare, ma probabilmente il risultato non sarebbe ottimale.

      Rispondi
      • Alessandro
        Alessandro dice:

        Per il paesaggio ok, ma per la macro, ad ogni cambio di messa a fuoco, cambia il rapporto di ingrandimento.l’ideale è sempre la slitta perchè muovi il corpo macchina e non cambi il rapporto di messa a fuoco

        Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *