Nikon Z6 II le prime prove

Cari amici, non potevo resistere senza provare subito la Z6 II per vedere se quello che avevo letto fosse vero oppure solo marketing.

La mia prima impressione, per le poche foto che ho potuto fare è che effettivamente la macchina è più reattiva della vecchia Z6 e l’autofocus è decisamente più efficace, anche in queste condizioni di luce abbastanza scarsa. Ci sono inoltre alcune modalità nuove che mi sembrano molto interessanti, perché aggiungono il riconoscimento dell’occhio umano e animale all’area large.

Sfortunatamente Nikon non ha ancora implementato un algoritmo che riconosce l’occhio degli uccelli, e questa sarebbe davvero una funziona utilissima. Non so se non lo hanno fatto perché con l’attuale hardware della macchina, anche quello potenziato della Z6 II non si può fare, o perché magari lo faranno in una nuova versione firmware.

In ogni caso anche senza questa funzione, a distanza di 3 metri dal germano e con un’area autofocus large non ha sbagliato quasi un colpo.

Come direbbero i miei amici americani: “I’m impressed”.

Non vi dico che ho dovuto fare per far riconoscere a Lightroom e Photoshop questi file… dato che ancora non sono ufficialmente supportati…

Nikon Z6 II + AF-S NIKKOR 500mm f/5.6E PF ED VR
ISO 5600 – f5.6 – 1/500s