Articoli

Esperimenti paesaggistici…

Una delle poche foto fatte qualche sera fa ai Pratoni del Vivaro, con un cielo decisamente eccezionale, stavolta però, oltre alla foto completa, voglio postare anche dare una brevissima illustrazione di come è realizzata.

Mi trovato ai Pratoni e c’era un cielo davvero bello, per cui ho pensato di voler ottenere un’immagine d’impatto, ma ovviamente, come tutti i paesaggisti sanno, è impossibile per un sensore catturare l’intera gamma dinamica della scena, per cui sapevo di dover combinare più esposizioni. Non avendo con me un cavalletto ho impostato la macchina per scattare 5 immagini in sequenza ad uno stop di distanza l’una dall’altra (bracketing). Continua a leggere

Macro più spinta, tubi di prolunga e, direttamente da un’altra era, il soffietto

Diciamo la verità, quando si comincia ad avere un po’ di confidenza cona la foto macro, il desiderio di ingrandire tanto i nostri soggetti può prendere la mano. In realtà il nostro scopo non è quello di usare un microscopio per far diventare una mosca grande quanto un elefante, però vedere bene gli occhi composti e grandi come tutta la foto è un desiderio comprensibile 😉

Per superare il rapporto di riproduzione 1:1 del normale obiettivo macro, esistono varie soluzioni, di cui quella che io utilizzo di più è i “tubi di prolunga”. I tubi di prolunga sono dei semplici tubi che distanziano l’obiettivo dal piano del sensore e consentono di aumentare il rapporto di riproduzione. Personalmente ho acquistato i tubi Kenko DG per Nikon che sono ottimi e costano una cifra ragionevole e che, tra gli altri vantaggi, portano anche i contatti elettrici alla macchina, consentendo di usare agevolmente i suoi automatismi. L’ingrandimento che riesco a ottenere con tutti i 68mm dei tubi, misurato riproducendo un righello, è di 2.5:1 che non è affatto male e consente anche un minimo  di ambientazione della macro. Continua a leggere

Come si sviluppa una fotografia digitale e soprattutto è una specie di imbroglio?

Questo articolo prende spunto da una domanda che mi hanno fatto più volte quando mi capita di postare foto come quella qui sopra, ovvero:

Ma è fatta con Photoshop?

Più in generale c’è l’idea diffusa, specialmente tra chi non si occupa di fotografia, che le immagini debbano essere prese così come escono dalla fotocamera, perché altrimenti la loro “lavorazione”, costituisce in qualche modo un imbroglio, vorrei contribuire con questo articolo a dare un’opinione diversa e leggermente più ampia, per chiarire cos’è una foto digitale e le sue differenze con una foto su pellicola. Come sempre le opinioni espresse in questo articolo sono le mie personali e, seppur condivise da una certa percentuale di colleghi, potrebbero non coincidere con quelle di altri fotografi, trattandosi di un’arte creativa ciascuno sviluppa i propri metodi e le proprie idee riguardo alle metodologie di lavoro più efficaci. Continua a leggere