Articoli

Un’esplosione di colore

Cari amici, oggi voglio condividere con voi una delle mie immagini preferite di sempre. 

Questo splendido uccello è una gru chiamata “Sandhill Crane”, un maestoso uccello alto quasi un metro e quaranta, che ho fotografato nelle paludi della Florida lo scorso anno. In questo manto erboso che vedete nella foto si celano predatori di ogni tipo, tra cui forse il più evidente è l’alligatore, che dopo un’iniziale periodo di adattamento diventa per chi cammina in quei posti un po’ come le pecore  nelle nostre campagne, per quanti se ne vedono in giro.

La gru depone delle uova che danno vita a dei piccolini non più alti di 20 centimetri, che hanno bisogno di ben 40 giorni per poter diventare maestosi come i loro genitori. Sembrano pochi rispetto al tempo che impiega un bambino a diventare adulto, ma in un mondo così pericoloso sono un’assoluta eternità. 

Eppure diventati adulti questi maestosi uccelli non possono che suscitare ammirazione, specialmente quando iniziano a correre e poi spiccano il volo, per librarsi ad altezze per noi solo immaginabili. La vita è difficile e in questi giorni anche molti umani se ne stanno rendendo conto. Il rispetto per tutte le creature viventi e per il pianeta che ci ospita assume forse ora connotati molto più profondi.

La grinta della sula

La grinta nel momento decisivo di un’azione è fondamentale e lo sa bene questa sula che è in competizione per il cibo con una moltitudine di gabbiani.

Un’altra delle tante foto che mi colpiscono della mia recente uscita in barca in Versilia nella quale ho avuto modo di vedere all’opera questi meravigliosi uccelli e apprezzare ancora una volta un pezzo di natura che la nostra società umana mette sempre più a rischio con i suoi cumuli di rifiuti di ogni tipo, lasciati anche da gente come i pescatori che ben dovrebbe conoscerne gli effetti. Non è raro infatti vedere questi uccelli con pezzi di lenza e ami impigliati nel becco e nelle zampe.

Spero che la bellezza di queste immagini possa servire anche in parte infinitesimale a sensibilizzare sempre di più chi le guarda per fare scelte consapevoli nella propria vita e dare il proprio contributo in positivo alla difesa del nostro pianeta. Troppo spesso vedo bellissime foto con la scritta “Sula Bassana”, “Volpe, toscana 2020”, “Piviere dorato”… e sebbene sia parte dello scopo di un fotografo naturalista provare piacere nell’aver fatto una bella foto, spero che anche la nostra comunità cominci ad usare di più la bellezza delle immagini per raccontare delle storie, per documentare la natura e per contribuire a difenderla.

Le ali della libertà

Diciamo la verità, io ho sempre sognato di avere un paio di ali. Ho sempre desiderato avere la capacità di librarmi nell’aria, di guardare le cose da prospettive diverse e di poter scavalcare ostacoli insormontabili per arrivare sempre più lontano.

Non essendo dotato però di ali “fisiche” cerco di compensare questa mancanza cercando di coltivare le mie ali “virtuali” della creatività, cercando di trovare immagini originali, che siano belle da vedere e che possano trasmettere emozioni, per me stesso e per chi le guarda.

Delle centinaia di foto che ho catturato ieri a Viareggio, questa è una di quelle che più mi sembra ricadere in questa categoria. Una bellissima sula, pronta a tuffarsi su un pesce che ha avvistato, ma con un po’ di contesto: il mare calmo e la luce del primo mattino che comincia a filtrare dalle nuvole che hanno accompagnato la prima parte del nostro viaggio. Uno sguardo fiero, concentrato e determinato, perché quel pesce lo deve contendere con decine di gabbiani comuni e reali e con le altre sule che sono comparse sulla scena. In natura non ci sono pasti gratis, ogni giorno è una conquista e una sfida… un concetto che dovremmo ricordare anche noi, che spesso abbiamo una vita leggermente meno complicata, nonostante le nostre lamentele per le beghe quotidiane che dobbiamo affrontare.

Spero che questa foto vi possa trasmettere almeno un centesimo dell’emozione che è stata per me assistere a questo spettacolo e fissarlo nel tempo.

Come nasce una bella foto, basta l’attrezzatura o serve altro?

Cari amici in questo nuovo video vi racconto la storia dietro a questa foto che ho pubblicato qualche giorno fa e che è piaciuta molto, cercando di trarne alcune lezioni utili a chi pratica questo genere fotografico.

Molto spesso nei video di Youtube si trovano recensioni e prove di ogni tipo, ma si finisce non di rado a parlare di tecnicismi, dimenticandosi di cosa sia veramente la fotografia e concentrandosi su delle attrezzature che dovrebbero solo essere gli strumenti di lavoro di chi cerca di portare a casa belle immagini.

In questo piccolo racconto cerco invece di far vedere come gli strumenti siano proprio l’ultima delle cose necessarie 😏

,

E siamo arrivati alla fine dell’anno

Cari amici, siamo arrivati alla fine dell’anno, un anno travagliato e pieno di complicazioni, ma che ha segnato anche qualche bella soddisfazione fotografica. Ora è tempo di pianificare nuove avventure e infatti tra qualche giorno sarò in Versilia a cercare di fotografare le sule, e poi a Febbraio sulle Highland scozzesi, in cerca di lepri artiche e pernici… più in là ancora non so, ma sicuramente qualcosa di bello lo inventeremo 😏

Per chi avesse perso il post precedente ho inaugurato una pubblicazione più regolare sul mio canale Youtube e anche un podcast per chi volesse ascoltare solo l’audio, un notevole lavoro ma ne è valsa la pena.

Sul fronte della crescita personale sono molto soddisfatto di aver stretto un rapporto un pochino più intenso con la natura, di aver imparato a conoscere meglio un po’ di specie animali e di aver curato la mia capacità di raccontare delle storie, tutti semi gettati e di cui spero di cogliere migliori frutti nel prossimo futuro. Buon anno a tutti 🎉🎉🎉

A journey of a thousand miles begins with a single step

Come ben sapete amici le mie capacità video sono molto più scarse di quelle fotografiche, ma ritornato in Italia, ho voluto provare comunque a montare un piccolo filmato per farvi vedere un momento molto particolare, che le sole immagini non sarebbero riuscite a raccontare, se avete 1 minuto e 02 secondi vi consiglio di guardarlo, è davvero tenero, almeno secondo me.

I piccoli che vedete hanno all’incirca una settimana di vita, e sebbene cresceranno rapidamente e nel giro di un mese saranno alti come i genitori, ci vorranno almeno 40 giorni per poter volare. Giorni lunghissimi in una palude piena di alligatori, falchi, lontre e numerosi altri predatori, ma sotto gli occhi vigili di mamma e papà gru sono certo che questi due scavezzacolli ce la faranno e saranno in grado di spiccare il volo ad altezze che noi possiamo solo immaginare.

Un cambio di passo

Cari amici, il tempo per scrivere è stato molto poco ultimamente, ma c’è da segnalare un cambio epocale, dopo due anni di onorato servizio ho venduto la D750 e sono passato alla D500, una scelta complessa, ma che ritengo azzeccata nel contesto del mio ormai crescente interesse per macro e fotografia naturalistica. Continua a leggere

Pratoni del Vivaro, winter moments

Cari amici, l’inverno qui da noi non è mai molto rigido, ma quest’anno sta facendo un po’ più freddo e ai Pratoni del Vivaro, anche se non molto distante dalla città, il clima è decisamente più rigido. Una buona occasione per vedere qualche spruzzo di neve, giocare con il ghiaccio e rincorrere il mio amico Gheppio, anzi i miei amici perché ce ne sono almeno tre.

Ho ancora molto da fare per perfezionare la mia capacità di usare il 200-500 su uccelli in volo, ma finalmente ho realizzato anche qualche scatto in movimento 🙂 Continua a leggere